Remote desktop

Trasformare il computer in una scrivania d’ufficio

Per garantire da remoto il lavoro d’ufficio siamo intervenuti sulla dotazione di personal computer e sulla configurazione dei posti di lavoro per accedere alla rete interna, quindi alle applicazioni, in modo sicuro.

Fornitura di PC portatili

In una settimana ad inizio emergenza abbiamo consegnato circa 130 laptop alla Provincia autonoma di Trento, per il telelavoro, e all'Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, a supporto dell’allestimento di nuovi reparti destinati all'emergenza.

Circa 1.500 dipendenti della Provincia autonoma di Trento sono dotati di laptop forniti dall'Ente.

Remote desktop

Per quanto riguarda la configurazione delle postazioni di lavoro, siamo intervenuti sia sui portatili dati in dotazione dagli enti che su dotazioni personali messe a disposizione dal singolo dipendente.

Ogni postazione di lavoro remota doveva prevedere l’utilizzo della posta elettronica e degli strumenti di collaborazione connessi; la possibilità di connettersi via VPN alle applicazioni web utilizzate in ufficio (come il Protocollo Informatico) piuttosto che ai dischi di rete dove si trovano i documenti di lavoro; la possibilità di connettersi al PC dell’ufficio.

Quasi 2.500 dipendenti della Provincia autonoma di Trento sono stati messi nelle condizioni di lavorare con un computer di proprietà, dal quale eseguire comandi che vengono poi elaborati dalla postazione di lavoro presenti presso l’ufficio e vederne il risultato sul proprio monitor. In modo semplicistico, è come se presso l’abitazione dell’utente fossero presenti tastiera/mouse e monitor, mentre il processore rimane quello della postazione dell’ufficio.

Ad oggi risultano correttamente configurate per permettere l’accesso remoto oltre 1.000 postazioni di lavoro d’ufficio.

Telefonia VoIP

Grazie alla telefonia VoIP, abbiamo seguito l’installazione e la configurazione sui personal computer utilizzati per lavorare in remoto dell’applicativo MicroSip. In questo modo, le telefonate dirette al telefono dell’ufficio sono state deviate sul personal computer di casa e i dipendenti hanno potuto effettuare chiamate dalla propria abitazione utilizzando l’utenza dell’ufficio.

Per aiutare gli utenti a configurare anche in modo autonomo l’applicativo abbiamo implementato e reso disponibile un portale dedicato, consultato da oltre 600 utenti.

Analoga attività è stata realizzata anche per tutti i dipendenti degli Enti Locali e strumentali.

Sono stati creati 7.951 account VoIP: 5.451 account per la Provincia autonoma di Trento e 2.500 account per Enti Locali e strumentali.

La virtualizzazione delle postazioni di lavoro - VDI

In questi mesi abbiamo accelerato le attività per rendere operativa la Virtual Desktop Infrastructure (virtualizzazione postazioni di lavoro) realizzata per ITEA, l’Istituto Trentino per l’Edilizia Abitativa.

L’iniziativa ha consentito ai progettisti di lavorare da casa con un qualsiasi dispositivo, in sicurezza, utilizzando però software CAD (es. AutoCAD) con le stesse qualità di una workstation grafica. Gli utenti in smartworking di ITEA sono 126; di questi 50 utilizzano software CAD.

Per saperne di più: leggi l'articolo

Torna all'inizio