Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Il documento regolamenta le modalità di applicazione delle sanzioni nei confronti degli Amministratori nel caso di violazione delle misure di prevenzione della corruzione ex L. 190/2012 o dei protocolli del Modello 231, integrando il sistema disciplinare che costituisce parte del Modello 231 stesso

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

(aggiornato "Allegato B - Società Trasparente" in data 28/3/2018 - in "Allegati" la versione approvata il 31/1/2018)

Il Piano triennale per la prevenzione della corruzione contiene le misure integrative del Modello 231 individuate ai sensi dell'art. 1, c. 2-bis della Legge 190/2012, comprese le disposizioni per assicurare la pubblicazione dei documenti, delle informazioni e dei dati ai sensi del D.Lgs. 33/2013.

Trentino Network s.r.l. ha approvato l'aggiornamento, nella seduta del C.d.A. del 19 gennaio 2018, del proprio Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC), ai sensi della legge 190/2012.

Trentino Network s.r.l., al fine di ridurre il rischio legato alla commissione dei reati di cui al d.lgs. 231/2001, ha già implementato a partire dal 2010 il proprio sistema di gestione aziendale attraverso l’adozione di un proprio Codice Etico ed un proprio Modello di Organizzazione.

Il PTPC di Trentino Network s.r.l. estende il controllo sulle aree di rischio già monitorate attraverso il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/2001 con il quale va ad integrarsi.

Trentino Network s.r.l. ha individuato quale RPC e responsabile dell'attuazione del PTPC il Dirigente Ing. Mario Groff il quale assume tale incarico a decorrere dal 01.12.2015.

La funzione di Responsabile della Trasparenza è  affidata, con decorrenza 01.12.2015, al Direttore Strategie e Mercato di Trentino Network, ing. Mario Groff.

Trentino Network s.r.l. ha approvato l'aggiornamento, nella seduta del C.d.A. del 30 gennaio 2017, del proprio Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione (PTPC), ai sensi della legge 190/2012.

Trentino Network s.r.l., al fine di ridurre il rischio legato alla commissione dei reati di cui al d.lgs. 231/2001, ha già implementato a partire dal 2010 il proprio sistema di gestione aziendale attraverso l’adozione di un proprio Codice Etico ed un proprio Modello di Organizzazione.

Il PTPC di Trentino Network s.r.l. estende il controllo sulle aree di rischio già monitorate attraverso il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex d.lgs. 231/2001 con il quale va ad integrarsi.

Trentino Network s.r.l. ha individuato quale RPC e responsabile dell'attuazione del PTPC il Dirigente Ing. Mario Groff il quale assume tale incarico a decorrere dal 01.12.2015.

La funzione di Responsabile della Trasparenza è  affidata, con decorrenza 01.12.2015, al Direttore Strategie e Mercato di Trentino Network, ing. Mario Groff.

Torna all'inizio