Trentino Digitale alla settima edizione del Job Meeting al Marconi di Rovereto

Ad incontrare le imprese oltre 300 diplomandi pronti a mettersi in gioco
Oltre 300 studenti delle classi 4 e 5 dell’Istituto tecnico tecnologico Marconi di Rovereto hanno invaso venerdì mattina, 27 maggio, la palestra dell’istituto in occasione della settima edizione del “Job Meeting”, iniziativa promossa per avvicinare gli studenti alle aziende e al mondo del lavoro. Trentino Digitale era tra le aziende presenti a Rovereto, rappresentata da Carlo Carrescia e Francesca Paolucci.

Il ritorno in presenza dell’evento organizzato dal Marconi, dopo i due anni di pandemia, testimonia nei numeri la bontà dell’iniziativa che apre le porte della scuola alle realtà imprenditoriali più importanti del territorio: “Negli anni passati riuscivamo a coinvolgere a fatica 20 aziende - dice il professore Gianni Battistotti, promotore della giornata - quest’anno siamo arrivati senza problemi a 40 realtà imprenditoriali”. Questo anche perché, pur in un contesto mondiale molto difficile, le imprese trentine cercano nuove professionalità. “La richiesta di giovani che hanno competenze tecniche, da impiegare nelle imprese 4.0 è altissima - ha confermato Alfredo Maglione, presidente della sezione Informatica e tecnologie digitali di Confindustria Trento - e la bontà del sistema scolastico trentino, grazie anche a realtà come quella del Marconi, è pronto a dare una risposta a questa richiesta”. 

All’incontro con gli studenti ha partecipato il responsabile delle Risorse umane di Trentino Digitale, Carlo Carrescia: “La società del futuro passa attraverso la digitalizzazione di servizi, sullo sviluppo di reti sempre più performanti e sicure, oltre che sulla cura dei dati personali. In provincia, Trentino Digitale è la società di riferimento e rappresenta per le nuove generazioni un’opportunità concreta di lavoro e crescita professionale. Essere presenti a questi eventi significa intercettare i giovani talenti, motivati a mettersi in gioco per il futuro del Sistema Trentino”.

Fondamentale risulta, quindi, rafforzare il rapporto tra imprese e mondo della scuola, facilitando l'incontro tra domanda e offerta di lavoro: “Dobbiamo lavorare in sinergia con il territorio che ci circonda  - conferma Giuseppe Rizza, dirigente scolastico del Marconi - e sviluppare sempre più le competenze richieste. La strada è quella giusta: basti pensare che settimana prossima oltre 180 nostri studenti saranno accolti in 140 imprese del territorio per iniziare il percorso di alternanza scuola - lavoro”

L’invito agli studenti ad approfittare dell’occasione per incontrare le aziende del territorio arriva anche da Achille Spinelli, assessore provinciale allo sviluppo economico, ricerca e lavoro: “Le aziende hanno voglia e bisogno di trovare nuove nuove risorse e sempre più cercano competenze innovative, menti aperte, freschezza e voglia di mettersi in gioco. Anche la collaborazione tra pubblico e privato ,che avvicina scuole e imprese, è un elemento stimolante per la crescita”.

Torna all'inizio